Serata diapositive (settembre)

Rieccomi ancora qui, provando ad aggiornare questi ultimi mesi del 2019 prima che l’anno 2387 arrivi. Siamo arrivati a settembre, quindi significa che ci sono buone possibilità di farcela!

Senza stare a fare troppi preamboli, iniziamo subito con le foto/diapositive!

Iniziamo subito con una bella tazza di té, o meglio 6. Questa scatoletta l’avevo comprata a Londra qualche tempo fa, pagata la bellezza di quasi 7£ per 6 té. Perché cosi tanto, vi chiederete voi? Perché non è proprio un té normale, o meglio, non è un té in bustine, ma sono dei fiori con cui si fa il tè (quante volte ho usato la parola tè in questa frase? Posso ambire al world record per il maggior uso di una parola in una frase di mezza riga? Speriamo di si). In pratica, dentro ognuna di quelle scatolette, c’è un fiore che si apre quando si mette nell’acqua calda. L’effetto è molto bello (ci ho fatto dei video che pubblicherò non appena il mio editor smetterà di guardare notizie di calcio su internet e inizierà a lavorare sul serio, dopotutto è pagato profumatamente per fare il suo lavoro (pagato in coccole ovviamente, fatte dai gatti e non da me)), il sapore è… meh. Sa di erba, e non è che sia proprio diverso da tè a tè, solo in qualcuno si sente il sapore di erba più forte, in altri meno forte.

Nemmeno a dirlo, ma questi sono tortellini, fatti da me ovviamente che qui l’UKlandia non è che pulluli di negozi di pasta fresca. Li avevo fatti con un ripieno di formaggi mi sembra, seguendo una ricetta di Jamie Oliver (che anche se ho un pò cambiato idea su di lui dopo aver lavorato in uno dei suoi ristoranti (prima che fallissero), ma continuo ancora a pensare che le ricette prese dai suoi libri siano buone) e mi sembra che dopo dovrebbe anche esserci la foto di come sono venuti. Mi piace fare la pasta fresca, non tanto le tagliatelle (è che di solito tutti associano le tagliatelle con il ragù, e a me il ragù non piace), ma la pasta fresca ripiena è molto più interessante da fare più che da comprare perché di permette di sperimentare con i ripieni!

Questa foto l’ho fatta quando sono andata a Inverness. Che dire… uno dei pochi motivi per cui mi piace la Scozia è che di animali se ne intendono dato che il loro animale simbolo è l’unicorno. Infatti eccolo proprio lì, in cima a questa colonna, in tutto il suo splendore, l’animale più bello in assoluto, l’unicorno!!

Parlando di animali, questa sono io vicino a una specie di pecorone, o mucca. Non ricordo, dovrei informarmi meglio. Il problema è che ho un pò di mal di testa e non so se ho voglia di mettermi a cercare… Per il bene del blog mi sono informata e dopo ore e ore di ricerca (5 secondi circa) ho scoperto che questa è la famosissima mucca Highlander. Ecco svelato l’arcano quindi. Se ne vedono parecchie nelle Highlands infatti, e questo potrebbe anche essere legato al nome. Oggi lancio perle di saggezza insomma.

Solito intermezzo gattoso. Questa volta abbiamo Tattie in versione sciolta sul letto.

Le ultimi diapositive di oggi sono mangerecce. Questa è una piccola carrellata di quello che ho preparato/cucinato a settembre. Partendo dalla prima abbiamo i tortellini di cui avete già visto una diapositiva da crudi. Avevano un ripieno di formaggi e li abbiamo poi conditi con del semplice sugo al pomodoro per non coprire troppo il ripieno. Poi abbiamo un risotto con della roba verde che non ricordo assolutamente cosa era (probabilmente spinaci). Poi ci sono dei bigné al te matcha, venuti BUONISSIMI! Il bello di quando fai le cose per conto tuo invece di comprarle, è che puoi abbonare con gli ingredienti più costosi, tipo il matcha, in modo che il sapore venga fuori parecchio. Poi abbiamo una pasta con altra roba verde, che davvero non so cosa sia (forse i fagiolini lunghi) e delle noci (mi pare). E poi delle melanzane ripiene con altre verdure, per la mia giornata vegetariana/vegana.

Queste invece sono foto di cose che ho provato. Partiamo dal budino strabuonissimo della Lindt, gentilmente offertomi da nonna Ivan. Questo in particolare era al gianduia, ma lo abbiamo anche provato al cioccolato bianco e al cioccolato normale, uno più buono dell’altro (il mio preferito è stato quello al cioccolato normale). Passiamo poi ad una carne già condita (qui in UKlandia dove la gente è troppo pigra per mettere delle spezie sopra la propria carne, se ne trovano a decine così. A dire il vero la gente è troppo pigra anche per cucinare, ecco perché abbondano i ready meal da scaldare al microonde. A dire il vero la gente è troppo pigra anche per scaldare, ecco perché qui pullula di ristoranti. A dire il vero la gente è troppo pigra anche per uscire, ecco perché qui Deliveroo va alla grandissima (ovviamente lo uso anche io)), ok, ho aperto la prima parentesi5 righe fa, non ricordo più cosa stavo dicendo. Ah si, la carne già condita. E’ una carna con un condimento chinese style, dovrei aver fatto il video anche di questa. Abbiamo poi delle patatine broccolose (arriverà il video anche di queste) e dei ramen al pollo aglioso.

Per concludere, la varietà di birre che riesco a trovare qua in Scozia è impressionante, quindi appena posso ne provo una nuova. La prima è la Elvis Juice della Brewdog, una brewery scozzese che fa sempre birre che mi piacciono parecchio. La seconda mi pare si chiami Dirty Deeds e la terza l’ho scovata in un negozietto pieno di cose piccanti (infatti l’ho accompagnata con una salsetta piccante all’aglio) e si chiama Pachuco.

Bene, anche il riassunto settembrino è fatto! Alla prossima con ottobre!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s