Nuovi orizzonti e Dolci al cioccolato con marmellate di arance amare

Siamo giunti alla fine di Agosto (e meno male, significa che l’autunno si avvicina, poi Halloween, Natale, il mio compleanno, il mio compleanno e, vi ho già detto che c’è il mio compleanno?) e da domani sarà Settembre (ma va?).

Tutti associano Settembre con la ripresa dello studio, del lavoro o di qualsiasi altra cosa che le persone normali fanno nella vita. Solitamente è la stessa cosa anche per me, ma non quest’anno. Per la prima volta quest’anno mi ritrovo senza niente da fare e con obiettivi di vita da definire. Devo dire che tutto questo non è per niente rassicurante, vorrei veramente essere in preda a quell’apprensione misto ansia misto tristezza che accompagna tutti quelli che vedono il periodo vacanziero finire e la noiosa routine riniziare.

Mi fa quesi tristezza citare una frase di Grey’s Anatomy, non tanto perché viene da un telefilm, ma perché mai nella vita avrei pensato che potesse mai essere riferita a me.

“Troppo spesso la cosa che desideri di più è quella che non puoi avere. Il desiderio ci lascia col cuore infranto, ci esaurisce. Il desiderio può distruggerci la vita. Ma per quanto si possa volere qualcosa, le persone che soffrono di più sono quelle che non sanno che cosa vogliono.”


Saltando di palo in frasca, come è nel mio stile, oggi vi lascio una ricetta di un dolce. Che a me non è piaciuto particolarmente ma che è piaciuto un sacco a mio padre, con mio grande stupore. Del tipo che, quando l’ho portato a casa per farlo assaggiare, non gli davo un minimo di fiducia e quindi ho iniziato con le mie solite scuse inventate per mettere le mani avanti, del tipo “avevo solo la marmellata di arance amare invece che quella normale”, “non so come sia possibile ma il cioccolato non ne voleva sapere di sciogliersi” e la classica “un procione mi è entrato dalla finestra saltando direttamente al terzo piano e ha preteso di stendere la glassa sul dolce con le sue aggraziate zampe unghiute”.

E’ una (quasi) semplice torta al cioccolato che sostituisce la farina con il pangrattato (suppongo che sia per quello che rimane un dolce dalla grana non troppo fine (ma si usa la parola “grana” per i dolci o si usa solo per la carta e il Grana Padano?)) e interpone, tra il dolce e la glassa, uno strato di marmellata di arance.

Ora, la marmellata che avevo io probabilmente è il motivo per cui a me non è piaciuta tantissimo e a mio padre si. La ricetta richiedeva una semplice marmellata di arance, ma io ne ho usata una fatta da mia madre, di arance amare con dei pezzi di arancia (penso di buccia di arancia). L’ho frullata un po’ perché quei pezzi non dovevano proprio esserci, ma era tardi e alla fine l’ho buttata sopra al dolce a cucchiaiate, mezza frullata e mezza no. Il problema è stato metterci il cioccolato sopra. Doveva venire una bella superficie liscia e invece. E invece no. (Colpa del procione, l’ho detto!)

La fortuna è stata che probabilmente il gusto del cioccolato e delle nocciole, che sono parecchio pesanti, è stato controbilanciato dall’amaro della marmellata di arance amare.

Tutto questo per dire che se trovate una marmellata di arance amare senza pezzi (o se avete tempo di frullarla bene e magari anche passarla) darete un tocco in più a questo dolce!

DOLCE CIOCCOLATO E MARMELLATA D’ARANCE

Ingredienti (stampo da 22-23 cm): 115 g di burro, 150 g di cioccolato fondente, 115 g di zucchero, 4 uova, 115 g di nocciole tostate leggermente macinate, 50 g di pangrattato, buccia grattugiata di 1 arancia, 30 ml di marmellata d’arance. Per la glassa: 115 g di cioccolato fondente, 50 g di burro, 60 g di nocciole a pezzi per decorare.

Sbattere il burro con lo zucchero, aggiungere gradualmente i tuorli, sbattendo bene. Sciogliere il cioccolato a bagnomaria e aggiungerlo all’impasto, poi aggiungere le nocciole, il pangrattato e la buccia d’arancia. Mescolare tutto.

Montare gli albumi a neve ferma e incorporarli al resto dell’impasto. Versare in uno stampo da 22-23 cm imburrato e infarinato.

Cuocere in forno a 180°C per 40-45 minuti. Una volta tolta dal forno, coprirla con uno strofinaccio umido per 5 minuti, poi sformare il dolce e farlo raffreddare su una gratella.

Preparare la glassa: mettere il cioccolato e il burro e sciogliere a bagnomaria. Lasciar riposare fino a quando non risulti fredda e densa. Spalmare la marmellata, setacciata e leggermente riscaldata, sul dolce, poi ricoprire con la glassa al cioccolato. Cospargere il dolce di nocciole a pezzi e lasciar raffreddare.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s