Ricordi di toast formaggiosi

Tempo fa mi sono imbattuta in una “ricetta” (messa tra virgolette perché chiamarla RICETTA mi sembra davvero esagerato) che lì per lì mi ha dato l’impressione di ricordarmi qualcosa. Ma non avevo ancora capito cosa. Bene, salvata nella cartella del computer che ospita milioni di ricette che prima o poi spero di provare (con tutto quello che vorrei provare le cose sono 2: o vivo fino a 7395 anni o mi ingrasso di altri 475 chili).

Il mio metodo per decidere che ricette provare è molto rigoroso. C’è chi segue la stagionalità, chi segue i propri gusti, chi si fa prendere da voglie irresistibili manco fosse incinta. E poi ci sono io, che vado su Random.org e lascio decidere alla sorte. Con tutte le decisioni che tocca prendere nella vita non vedo perché prendere anche quelle che posso evitarmi. Non sia mai che il mio cervello risulti troppo sovraccaricato. Ecco, mentre sono seduta sul divano a guardare la televisione non posso mica scegliere anche cosa preparare per cena. Troppo sforzo.

Mi sono persa come al solito, cosa stavo dicendo? Ah si, ricetta che forse mi ricordava qualcosa ma non so cosa. La ricetta in questione potete trovarla qui, preparata in versione MINI, mentre io l’ho preparata in versione Frau Fra/Mr Geom.

E’ di una facilità imabarazzante, ma vi ho lasciato il link così, in caso (molto probabile) che non riusciate a seguire le mie confuse indicazioni, avrete sempre un video a cui affidarvi.

TOAST AL FORMAGGIO

Ingredienti (per 1 toast): 2 fette di pane in cassetta, burro, 1 sottiletta (o altro formaggio in fette, quello che preferite)

Spalmate le fette di pane con il burro, solo da una lato. Scaldate una padella e mettete a cuocere la prima fetta, con il lato imburrato rivolto verso il basso. Quando si è abrustolita, appoggiate la sottiletta sopra (nel lato non imburrato) e coprite con la seconda fetta di pane, con il lato non imburrato rivolto verso il basso. Girate tutto il toast in modo che il lato imburrato della seconda fetta vada a contatto con la padella e così si abrustolisca. Finito!


Avevo detto che non sapevo cosa mi ricordasse questa “ricetta”? Mentre la preparavo ho capito. Mi ricorda l’Inghilterra. E non so nemmeno perché, è passato talmente tanto tempo dall’ultima volta che ci sono stata che non ricordo assolutamente se i 5 chili che avevo messo su in 2 settimane erano dovuti esclusivamente al Mc Donald (ancora quasi introvabile da noi) (oh, come mi fa sentire vecchia questa cosa) o a questi toast formaggiosi. Ma ricordo benissimo che quando sono tornata a casa, speravo che il pomeriggio i miei genitori non tornassero a casa per potermi preparare un bel toast con burro e formaggio. Poi vabbè, l’odore paradisiaco del burro invadeva tutta casa restandoci per circa una settimana, quindi si capiva che avevo combinato qualcosa che non dovevo fare, ma l’importante era crederci, di farla franca. E mangiare milioni di toast al burro e formaggio.

Questa non c’entra niente, ma la foto di un gatto ci sta sempre!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s