Calendario dell’Hallowento: meno 2

Ho iniziato a comprare le prime cose natalizie. Traduzione: mi aggiro come una pazza in tutti i negozi che incontro nel mio cammino (e se non li incontro ci vado apposta) e saltello allegramente tra i vari scaffali pieni di lucette. E dato che già ho vari scatoloni di decorazioni in cantina, non la vedo molto bene quest’anno. Penso che trasformerò casa mia nella casa di Babbo Natale, si si.

E in tutto questo, cosa vedete qui sopra e di fianco? Ancora immagini di Halloween! Prometto che non farò mai più un conto alla rovescia, tanto non ce la posso fare. Io e le scadenze non andiamo proprio d’accordo, dovrei saperlo bene visto che mi conosco ormai da vari anni.

Per il meno 2 da Halloween ho fatto questi cupcake, sempre con un preparato della Lidl. Che dire, sono particolari dato che sanno di bubble gum… a me piacciono ma sono strani, nel senso che me li sono dovuta pappare tutti io, senza un grande aiuto di Sergi. Sarà per questo che lui mantiene una linea invidiabile mentre io lievito giorno dopo giorno come un impasto del pane. Sono una pagnotta, bene.

Come tutte le cose fatte con i preparati sono semplici, ma cmq a parte la glassa, il sotto è facile da fare anche senza preparato. Ma guardate come sono carini! Presa da un attacco irrefrenabile di creatività mi sono anche messa a provare vari tipi di decorazione, cosa per cui di solito sono negata. Cioè, io ci provo a fare la superesperta di cucina, quando ho una sac a poche in mano mi sento superfiga, ma diciamoci la verità, è tutta scena. Non mi sono mai piaciute le decorazioni troppo sofisticate, io guardo alla sostanza (ecco, è come la volpe con l’uva, dato che non sono capace allora dico che non me ne frega).

Questo in particolare è il mio preferito. Si, proprio questo con la punta sbilenca. Appena fatto veramente stava su dritta, poi ovviamente è calata piano piano, tipo torre di Pisa. Anche questo sembra un attacco di creatività, e invece no! E’ che avevo finito di mettere la cosina verde sopra gli altri e me ne era avanzata un bel pò, quindi per non sprecarla ne ho messa una dose doppia in questo.

Adesso vado, che io e le galline dobbiamo iniziare a pensare cosa fare da mangiare. Sono precisamente le ore 11.24 adesso, i miei orari dei pasti sono come quelli dei vecchi: inizio a preparare il pranzo a mezzogiorno e la cena alle 19. Come dicevo, da adesso a mezzogiorno saranno momenti duri, dovrò scegliere una scatoletta di tonno, aprirla e buttarla in una pentola con del pomdoro. Insomma, solo alta cucina a casa mia.

Che mica si possono mangiare sempre cupcake alla cingomma e tortellini fatti a mano. Ogni tanto (sempre) si apre una busta di ramen, si butta tutto in mezzo litro d’acqua bollente e si fa cuocere un paio di minuti. O si comprano panne rosa di Hello Kitty alla fragola da mettere sopra al Ciobar bianco perché chi ha voglia di fare il cioccolato caldo senza preparato? Sarà anche facile, ma volete mettere con: mettere il latte nel pentolino, buttare il Ciobar nel latte e mescolare. Ho sempre ammesso di essere la persona più pigra del mondo…

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s