Calendario dell’Hallowento: meno 9

Oggi ho capito una cosa: non so contare. Ieri ero convinta che oggi avrei iniziato il mio calendario dell’Hallowento partendo da un bel meno 10. Un bel numero paro. Invece oggi mi sono resa conto che mancano solo 9 giorni. E pensare che ero pure brava di matematica alle superiori. si vede che anni e anni, decenni di università mi sono serviti per dimenticare le regole base di matematica.

Comunque oggi ho iniziato a decorare casa. Ho ripreso la busta con dentro tutte le cosine che avevo comprato. E mi sono accorta che mi ero dimenticata di averne comprate almeno la metà. Tipo questo signore oscuro qui di fianco non me lo ricordavo proprio ma vabbè, è stato prontamente impiccato sulle luci della cucina.

Di solito mi esalto così tanto solo con le decorazioni di Natale, infatti ne ho scatoloni pieni. Ho iniziato ad accumulare roba già quando stavo ancora a casa dai miei. Gli ultimi anni mia madre aveva iniziato a fare l’albero di Natale monocolore e io, che non sono certo nota per la mia sobrietà, ho deciso di comprarmi un mini-alberello che ho piazzato sopra la scrivania e ho riempito di palline coloratissime. Ma il tocco di classe era la punta: una stellona grande quasi come tutto l’albero, morbidosa, pucciosa e di circa 7-8 colori diversi. Tutti sgargianti, ovviamente.

Quando sono andata via di casa pensate cosa posso aver combinato… albero di 2 metri, strapieno di palline, che poi chiamarle palline è leggermente riduttivo dato che di palline vere ne avrò giusto una quindicina. E tra queste ne annovero alcune abbastanza strane, tipo una che ha delle piume verdi dentro. Per il resto si va da calze della befana in formato mignon, a farfalle volanti, a peluche mignon e peluche non tanto mignon. Insomma, qualsiasi cosa che trovo andando in giro per i negozi che abbia un modo per essere appesa. Che poi il modo per impiccare qualcuno a un albero di Natale si trova sempre, si prende un ago, si fa un bel buco, si fa passare il filo e via. Fosse così semplice anche per le persone…

Ma cosa dicevo, non parlavo di Halloween? Ah si, dicevo che ho scatole piene di decorazioni natalizie ma che fino ad adesso non avevo scatoloni Halloweenosi. Ecco, da quest’anno avrò decisamente bisogno di uno scatolone Halloweenoso.

Le ragnatele sono tra le mie decorazioni preferite, come vi dicevo ieri (mi pare) i miei ragni da appartamento non hanno fatto il loro dovere, quindi ho dovuto provvedere da me. Oggi ne ho pure minacciato uno che cercava di usare le ragnatele che avevo comprato. Alla fine l’ho rimesso sull’angolo della porta (cioè, il mio ragazzo ce l’ha rimesso) e gli ho detto che se non avesse fatto una ragnatela in tempo per il 31 l’avrei dato in pasto a una mosca.

E comunque queste decorazioni ragnatelose creano una specie di parco giochi anche per i miei gatti. A parte per uno, che di solito sale sopra il mobile dove ho messo le ragnatele, invece adesso ha paura.

Gli altri invece provano a giocare con i ragni fosforescenti. O ancora meglio, cercano di prendere i nastrini arancioni e le zucchette colorate (tra le poche cose gentilmente messe in vendita dall’Ikea) che ho avuto la grande idea di mettere intorno a una lampada, esattamente a portata di gatto. Si perché io sono una volpe. Mica metto le cose fuori dalla portata di questi animali malefici, no! Io le metto esattamente vicino ai loro posti preferiti! Lampada con nastrini colorati e zucche: dietro al divano, dove loro stanno sempre a poltrire. Ragno fosforescente: penzola esattamente sopra la televisione, dove loro si mettono quando noi guardiamo qualcosa. Ovviamente perché tutte le persone che hanno un gatto sanno che tu non puoi guardare la tv. Non puoi guardare niente. Puoi guardare solo lui. Ragnatele: nel mobile dove va a dormire il gatto nero che però, a differenza degli altri appunto non ci gioca con le decorazioni. Lui ha paura e fa dei salti allucinanti se gli avvicini, che so, un pipistrello gonfiabile grosso il doppio di lui. Vallo a capire…

E siamo quasi arrivati alla fine di questa carrellata di foto/idiozie scritte da me, giusto per riempire lo spazio tra una foto e l’altra. Forse facevo meglio a fare un post di foto e basta, ma ormai…

Comunque il risultato della giornata è che ho una casa nero-arancione. E purtroppo per chi vive con me (Sergio), ho trovato (e ovviamente comprato) anche questi bei coriandoli neri-arancioni, che sparpaglierò per casa la sera del 31 e che di sicuro non sarò io a ripulire.

Cosa vi sembra questa, la faccia di una persona che pulisce casa da piccoli pezzettini di carta? Mmmm, non penso proprio! Se fosse per me rimarrebbero lì fino a Natale almeno, quando verrebbero mischiati a coriandoli verdi e rossi. O luccicanti.

A domani con il proseguimento del calendario dell’Hallowento! Sempre che mi ricordi, dato che c’è pure X Factor…

Advertisements

One thought on “Calendario dell’Hallowento: meno 9

  1. Pingback: Macaron e animali scintillanti che saltellano allegramente | Frau Fra

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s